sabato 21 novembre 2009

San Giovanni Battista - Campi Bisenzio (FI)

Il mio amico Alessandro contribuisce coraggiosamente, affrontando i mostri della sua infanzia:

come promesso ecco uno dei tanti orrori sparsi per il nostro paese...
questo favoloso edificio mi ha sconvolto fin da quando ero cinno :-)
Si trova a Campi Bisenzio e si chiama "San Giovanni Battista" !


20 commenti:

  1. Certi commenti andrebbero vietati e rimossi. Questo è un capolavoro di architettura, progettato da Giovanni Michelucci. Ok il blog e il libero pensiero, ma a tutto c'è un limite.

    L'amico Alessandro contribuisce al degrado culturale.

    RispondiElimina
  2. Non esistono canoni oggettivi di bellezza. per chi l'ha fatto e pagato sicuramente anche il padre pio della rotonda è un "capolavoro di architettura".

    Il degrado culturale è ben più alimentato da chi pretende di avere canoni di bellezza che debbano valere per tutti, cioè precisamente il principio che combatto su questo blog.

    Poi tu puoi dire che noi siamo incompetenti, e questo è assai probabile, ma se per vedere "bella" una cosa devi essere competente... è la dimostrazione che qualcosa da qualche parte non ha funzionato...

    RispondiElimina
  3. Bè...può darsi che per un certo numero di intellettuali sia un capolavoro, ma chi giudica, qui è il pubblico, al quale la chiesa per sua funzione si rivolge "il popolo di dio".

    Discutiamone!

    Chi contribuisce al degrado non è chi esprime un'opinione, ma le opere in sè che sono state costruite nell'indifferenza estetica e CON I SOLDI DI TUTTI! E cmq, si può essere d'accordo sulla qualità estetica della chiesa del Michelucci, ma questo non può essere considerato "un colpo di spugna" sulle bruttezze documentate nel blog.

    Sarebbe come dire che è Saviano a contribuire al degrado e non i contenuti delle sue denunce.
    -
    Il commento è democrazia, sennò si finisce alla Stasi....


    Saluti A*

    RispondiElimina
  4. spiegateci cosa ha di brutto per favore!!
    è troppo facile dare giudizi senza argomentare!

    RispondiElimina
  5. Giusto, spiegateci cosa non vi piace.
    Ci siete stati dentro?
    Anche se da fuori è "amorfa" per cui non definita, per cui tendenzialmente poco comprensibile, in realtà oltre ad un discutibile virtuosismo strutturale, c'è una simbologia precisa e sapientemente celata.
    La chiesa non è parrocchiale, è aperta solo la domenica mattina per la celebrazione delle ore 10,00. E' sempre piena (fedeli, curiosi, altro). Una chiesa che come viene aperta si riempie è un fatto eccezionale se escludiamo San Pietro, Lourdes, il Santo Sepolcro, etc.
    Spiegateci cosa non vi piace e ne parliamo. La bellezza va oltre alla retina dei nostri occhi.

    RispondiElimina
  6. Caro Alessandro,
    non vorrei essere scortese, ma di architettura non ci capisci proprio un'.. akka !
    Fabio

    RispondiElimina
  7. @ Franco Franca, Anonimo:
    cercherò di spiegare meglio la filosofia che sta dietro a questo blog. È tutto sommato irrilevante che la chiesa in questione sia "bella" o "brutta". Come ho già scritto poi, se per vederla "bella" bisogna essere degli architetti vuol dire che qualcosa non ha funzionato. Ma il punto, comunque, non è questo.

    Il punto è che qui si sostiene che non esista un canone assoluto di bellezza (né, va da sé, di bruttezza). Non esiste una cosa oggettivamente bella o oggettivamente brutta. Al limite si può parlare di opinione diffusa e condivisa, ma mai di oggettività. In questo caso particolare Alessandro mi ha inviato la foto di una chiesa la cui forma (comprensibilmente, al di là dell'architettura) lo inquietava; come tale l'ho riportata (per dirla tutta, questa chiesa a me piace pure).

    Il punto fondamentale però è la violenza che spesso viene fatta alle nostre città e ai nostri paesi con degli edifici che palesemente vengono costruiti senza considerare il sentire delle persone del luogo. Io sostengo che spesso queste chiese vengono imposte con queste curiose forme PROPRIO per dimostrare che loro non devono rendere conto a nessuno, che loro fanno quello che gli pare, che loro "sono in missione per conto di dio" e che quindi possono ignorare le esigenze di chi in quei posti ci vive (oltre ovviamente di godere di una sostanziale extraterritorialità che gli dà una immeritata e notevole libertà di fare quel che gli pare). Può scapparci il capolavoro di architettura? certo che sì! Ma è l'atteggiamento generale quello che qui si combatte attraverso l'esposizione di casi particolarmente orrendi o azzardati.

    Io ho studiato a Ulm, in Germania. Lì nella Münsterplatz di fianco alla bellissima cattedrale gotica è stato eretto un palazzo modernissimo, bianco levigato e di forma circolare. Discutibile, azzardato come minimo. Per farlo hanno chiesto alla popolazione che ne pensava, con un referendum: e il referendum è passato. Questo è il rispetto: prima ci vuole la consapevolezza, poi il riconoscimento della libertà degli altri. Nel caso delle chiese spesso mancano entrambi: la consapevolezza è accecata dalla fede (tutto ciò che è fatto in nomine patri è bella e buona), e la libertà altrui di dissentire è in subordine (tutto ciò che non è fatto in nomine patri è brutto e cattivo).

    So che il filo del ragionamento è sottile, ma spero di essermi spiegato.

    RispondiElimina
  8. Certo che ti sei spiegato! E lo condivido in pieno!!
    Peccato che tutto questo non si addice alla chiesa di San Giovanni Battista, meglio nota come Chiesa dell'Autostrada.

    "Il punto fondamentale però è la violenza che spesso viene fatta alle nostre città e ai nostri paesi con degli edifici che palesemente vengono costruiti senza il sentire delle persone del luogo"

    A parte che qualsiasi tipo di referendum in una città come Firenze verrebbe tassativamente bocciato, qualunque sia l'opera. I Fiorentini hanno bocciato a suo tempo la Stazione di Santa Maria Novella, la migliore stazione ferroviaria italiana fino ad oggi, costruita ne 1935 dal Gruppo Toscano capeggiato dallo stesso Michelucci. Hanno bocciato la tramvia (il referendum non ha raggiunto il quorum per cui è stato dichiarato decaduto anche se le percentuali erano molto nette) che è l'unica soluzione compatibile e poco incisiva per una città come Firenze. Per cui a Firenze il sistema referendum non sarebbe certo positivo, manca una certa cultura. La città è rimasta purtroppo o per fortuna al 1492, anno della morte di Lorenzo il Magnifico. Ma a parte questo, la chiesa non si trova in città, bensì all'interno del nodo autostradale fiorentino, all'intersezione fra l'A1 Milano-Napoli e la A11 Firenze-Mare.
    Vi si accede solo ed esclusivamente dall'Autostrada. E' un'opera commissionata dalla Società Autostrade all'inizio degli anni '50 (la Società Autostrade deve destinare una modesta percentuale dei propri investimenti alla valorizzazione e alla cultura dei territori attraverso i quali passa l'Autostrada. Oggi la chiesa è praticamente accerchiata dalla periferia fiorentina e dalle vicine aree industriali e delle grandi catene di distribuzione. Tuttavia all'epoca della costruzione la chiesa si trovava in aperta campagna. Il rapporto col contesto urbano non si pone. La chiesa non è pensata assolutamente per un abitante, ma è una sorta di "Autogrill" della spiritualità, situata a metà strada fra Milano e Roma.
    La forma, che dalla foto si vede malissimo ma davanti la si capisce eccome, vuole riprendere il tema della tenda.
    Nel libro dell'Esodo, cap 33, "Mosé ad ogni tappa prendeva la tenda e la piantava fuori dall'accampamento, ad una certa distanza dall'accampamento, e l'aveva chiamata la tenda del convegno; appunto a questa tenda del convegno, posta fuori dall'accampamento, si recava chiunque volesse consultare il signore".
    Non importa essere architetti per capire tutto ciò, basta conoscere la Bibbia!
    Ovviamente la tenda non è geometrica, ma si richiama a quella corrente denominata "Espressionismo in Architettura", con caratteri fiorentini. La pietra proviene da una vicina cava, la presenza del basamento come nelle "fabbriche fiorentine" (nella foto non si vede).

    RispondiElimina
  9. Un altro aspetto, più difficile da cogliere ma non meno importante, è rappresentato dalla copertura in rame. La chiesa si trova al centro della cosiddetta "Piana Fiorentina", una sorta di grande anfiteatro naturale circondato a Nord dai rilievi preappeninici, a Est dal complesso del Monte Morello, a Ovest dal complesso del Monte Albano e a Sud dai rilievi collinari del Chianti. Essendo una pianura "chiusa" vi è spesso una debole foschia che dona ai rilievi un colore verde-bluastro. Dall'Autostrada, da qualsiasi direzione si provenga, la chiesa appare sempre "conclusa" da questi rilievi. La sua copertura in rame permette quindi un inserimento "morbido".
    Finora ho parlato solo dell'esterno, ma ci sarebbero un sacco di cose da dire sull'interno. Semmai ne parlerò un'altra volta.
    Comunque, tutto questo per dire che il problema non è Michelucci. L'architetto ha ben compreso la "specialità" (nel senso di "particolarità") dell'incarico ricevuto e, a mio avviso, ha operato in modo speciale. Se guardiamo le altre opere di Michelucci si comprende bene l'eccezionalità che la chiesa ha rappresentato nella vita professionale dello stesso architetto. Il problema, secondo me, non sta nel Michelucci in sé, ma in tutti gli emuli che, non comprendendo la specialità della Chiesa dell'Autostrada, hanno tentato fantomatiche imitazioni.

    RispondiElimina
  10. Comprendo perfettamente il tuo odio verso la chiesa, è la stessa cosa che provo io ed è causato dai suoi comportamenti mafiosi e palesemente ipocriti, almeno ai piani alti.
    Però devo farti due obiezioni.

    La prima di stampo sociale: tu da qualche parte hai scritto che con chiese così brutte è normale che alla gente passi la voglia di pregare. Putroppo non credo sia vero, gli italiani pregano ancora e troppo, basta vedere come ci infarciscono quotidianamente le notizie; gli italiani sono un popolo di bigotti che hanno paura di essere messi di fronte alle loro debolezze e ai loro vizi.

    La seconda riguarda quanto hai detto a proposito del blog. A mio parere combatti il concetto attanccando la forma; non mi sembra del tutto corretto. Tu non trovi brutto l'edificio chiesa, ma quello che esso rappresenta. Secondo questo ragionamento allora dovresti inserire qui, tra le brutte chiese, ti faccio solo i primi esempi che mi vengono in mente...S Pietro, il colonnato del Bernini, il Tondo Doni di Michelangelo, l'Annunciazione di Leonardo (anche se non si tratta di edifici), insomma gran parte dell'arte che ha fatto la storia del mondo.
    Dovresti trovare brutta tutta l'arte sacra indiscriminatamente a questo punto, perchè tu odi il concetto. E così è come se ti facesse comodo la costruzione di brutte chiese, perchè pensi che sempre meno gente andrà a pregare (che sarebbe un bene).
    Quindi alla luce di questo mio ragionamento forse si dovrebbe riflettere sull'affrontare la questione da un altro angolo, ma che sia nella sostanza non nella forma. Possiamo parlare di quanto sia più o meno tronfia o monumentale una costruzione per rappresentare la potenza di chi l'ha commissionata, ma entrando nel merito, e qui non l'ho visto fare.

    Poi è vero, alcune chiese sono davvero molto brutte, indifendibili, infatti nessuno lo ha fatto; ma così come sono oscene le periferie italiane.
    E che siano piovute dal cielo e messe li grazie alla potenza della chiesa è altrettanto vero, ma in parte. La costruzione di una chiesa è prevista dall'amministrazione nella città. Sono piovuti dal cielo e messi li anche gran parte degli edifici religiosi comunemente ritenuti belli, tipo quelli che ti ho citato.
    Infine ci sono più opere d'arte di quanto sembri che la chiesa la prendono sottilmente per il culo.

    RispondiElimina
  11. minchia qui si fanno i gran dibattiti sulla chiesa di Campi Bisenzio e nessuno dà un'occhiata né commenta quella di Arezzo....sigh
    Buon 2010 Lindoro e amici

    A*

    RispondiElimina
  12. Questa non è una brutta chiesa, questa è un'opera architettonica di tutto rispetto...

    RispondiElimina
  13. Per il vostro pensiero dualista, bianco o nero , buono o cattivo, giudicate prima di averla vista.
    Questa è un capolavoro dell'architettura italiana, Robert Venturi in uno dei suoi libri disse che era un architettura orrenda, poi nell'edizioni successive ci mise una nota in cui si scusava perchè l'aveva vista.
    La chiesa di San Giovanni Battista di Michelucci, ha tutte le caratteristiche di una chiesa cattolica tradizionale, dovete vederla, solo un ignorate giudica cosi cose che sono considerate capolavori senza chiedersi perchè vengono considerate tali.

    RispondiElimina
  14. Di criticare la Chiesa dell'Autostrada di Michelucci dimostra una vera ignoranza di architettura e sopratutto dell'esperienza spirituale di chi ci va a pregare. Non essendo italiano, chiedo scusa innanzitutto per la mancanza di espressione chiara. Communque, chi va a questa chiesa, entrando, girando e pregando (sopratutto), avra' un'esperienza spirituale profonda. Conosco una persona che si e' convertita grazie a questa Chiesa. E' ricco di spazi suggestivi e spirituali.

    "Anonimo" l'ha espresso molto bene la verita di questa Chiesa. Michelucci era un uomo di una fede profonda. Lo conoscevo personalmente e il sul libro "La Felicita' dell'Architetto" andrebbe letto da tutti gli architetti. L'ho letto quando e' usicito quasi 30 anni fa. Mi ha cambiato la vita come architetto.

    La credibilita' del blogger e' andato giu' per il cesso con i questi commenti. La Chiesa dell'Autostrada e' un vero capo lavoro per molti motivi.

    RispondiElimina
  15. @ Franca Franco ... La stazione di Firenze fu progettato da Italo Gamberini. Era la sua tesi di laurea sotto Professor Michelucci. Indubbiamente Michelucci aveva un impatto importante.

    Allora, la Chiesa era concepita come un nuovo centro dell'espansione di Firenze. E' una lunga storia. Il fatto che l'espansione urbanistico e' diverso di quello che discutevano allora spiega la corrente situazione.

    Communque, uno deve per forza entrarci dentro per forumulare un'opinione intelligente. Di criticarla solo guardando fotografie sarebbe un po come dire 'Madre Teresa era brutta'. E' in un certo senso uno potrebbe aver raggione. Pero' sarebbe una valutazione molto superficiale, come sappriamo.

    Leggendo tutto, credo che Lindoro ha il cuore nel posto giusto (non so se traduce bene in italiano), solo che in questo caso sta facendo un'analisi estremamente superficiale. Chi entra nella Chiesa Dell'Autostrada incontra Dio e apprezza il prossimo che ci incontra molto di piu'. Il senso del sacro e' profondo. Di nuovo, uno deve entrare nella chiesa con l'intento di pregare per potere formulare un'opinione di valore. .... Mark

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. La spiegazione idiota... del soggetto contro la sacra chiesa di Michelucci, mi aveva condotto a un commento , molto reattivo; poi ci si rende conto che vi è una totale incapacità di giudizio, dovuto alla totale ignoranza dei linguaggi architettonici ; se da una parte gli esempi precedenti.. sono brutta edilizia, mi insospettisco...quando tu accomuni alla brutta edilizia una opera organica, al cui interno vi sono specifici significati, connessi con i racconti della bibbia; l'edificio racconta nelle masse alcuni eventi biblici; il tuo problema è che ti è andata bene nelle foto turistiche che hai fatto precedentemente ma con il passo falso che hai fatto su Michelucci hai messo il piede su una mina e la tua credibilità è saltata come salterebbe in aria la tua gamba......occupati di Altro, non ci serve lo "Sgarbi" dei poveri..

    RispondiElimina